Il regime fiscale dell’e-commerce

10 novembre 2009
By

L’Agenzia chiarisce la procedura di reso e chiarisce le linee principali di gestione del commercio elettronico indiretto

Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate

La recente 

dello scorso 5 novembre può essere utile come sintesi autorevole dei principali adempimenti fiscali cui è soggetta l’attività di vendita on line di beni materiali ovvero l’ attività di commercio elettronico indiretto.

Per commercio elettronico indiretto si intende una transazione commerciale che avviene in via telematica ma a cui segue la consegna fisica della merce a domicilio secondo i canali tradizionali, ossia tramite vettore o spedizioniere
(cfr. risoluzione 21 luglio 2008, n. 312/E, risoluzione 15 novembre 2004, n. 133/E).

Ai fini Iva, le operazioni di commercio elettronico indiretto sono assimilabili alle vendite per corrispondenza e, pertanto, non sono soggette all’obbligo di emissione della fattura (se non richiesta dal cliente non oltre il momento di effettuazione dell’operazione), come previsto dall’articolo 22 del d.P.R. n. 633 del 1972, né all’obbligo di certificazione mediante emissione dello scontrino o della ricevuta fiscale ai sensi dell’articolo 2, lettera oo), del d.P.R. 21 dicembre 1996, n. 696.

I corrispettivi delle vendite devono, tuttavia, essere annotati nel registro previsto dall’articolo 24 del d.P.R. n. 633 del 1972.

Link:  

Tags: , ,

One Response to Il regime fiscale dell’e-commerce

  1. Alessandra on 29 gennaio 2010 at 11:59 am

    e per chi vende servizi o prodotti digitali da scaricare, quali sono gli obblighi?

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Negozio AICEL


 Powered by Max Banner Ads 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: