Nuove leggi in Cina per lo shopping on line cross-border?

21 dicembre 2016
By

Il National People’s Congress (NPC) Standing Committee, tenutasi a Pechino lunedi 19 dicembre, ha preso in esame una serie di nuove leggi che il governo cinese sta varando per regolamentare l’industria nazionale dell’e-commerce.

Sui contenuti specifici della bozza di legge si sa ancora molto poco, ma si pensa che la direzione sia verso il miglioramento dell’efficienza dello shopping on line cross-border (transnazionale), per cercare soluzioni per le numerose controversie con le regioni e le nazioni coinvolte in transazioni con la Cina.

«Promovere l’e-commerce è favorevole all’immagine del Paese e al miglioramento e alla crescita del commercio con l’estero – ha detto Lyu Zushan, il vicedirettore del Ministero delle Finanze e dell’Economia cinese -. È anche positivo per costruire la Belt and Road Initiative (progetto di promozione della cooperazione economica tra le nazioni di Asia, Europa e Africa) e per implementare la strategia FTA (free trade area)».

Secondo wwd.com Lyu Zushan, durante la sua presentazione al NPC Standing Committee, ha quantificato il settore e-commerce in 20mila miliardi di yuan, 2.870 miliardi di dollari, solo nel 2015, con vendite retail online che ammontano approssimativamente a 560 miliardi di dollari.

Il ministro del Commercio cinese ha anticipato che il volume dell’e-commerce cross-border raggiungerà nel 2016 6.500 miliardi di yuan o 936 milioni di dollari e rappresenterà il 20% del commercio con l’estero della grande nazione asiatica.

I numeri delle vendite online cinesi sono sotto esame da qualche tempo. All’inizio del mese, l’associazione nazionale dei consumatori ha lamentato il fatto che più del 17% delle promozioni sulle maggiori piattaforme di commercio elettronico fossero fuorvianti nel periodo del Singles’ Day a novembre.

La China’s State Administration for Industry and Commerce si è incontrata a questo proposito con i maggiori player del settore nel Paese. Separatamente, la U.S. Securities and Exchange Commission sta effettuando controlli su pratiche contabili e investimenti del gigante cinese dell’e-commerce Alibaba.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Seguici su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: