E-commerce e spam, i chiarimenti del Garante

21 ottobre 2017
By

L’ Autorità Garante per la protezione dei dati personali, avvia una procedura istruttoria per la grave violazione di quanto prescritto dalla legge sul consenso prestato dall’interessato, che deve essere sempre libero e specifico, a pena di sanzioni tra i 30.000 e i 180.000 euro e l’avvio di un procedimento da parte del Nucleo speciale privacy della Guardia di Finanza. Questo è quanto deciso dal Garante a seguito di segnalazioni di consumatori i quali, navigando su un sito di shopping online, continuavano a ricevere pubblicità indesiderata nonostante il manifestato rifiuto a tale ricezione. A seguito dell’attività di indagine avviata dall’autorità, con lo specifico supporto del Nucleo Speciale Privacy della Guardia di finanza, è emerso che gli utenti che desideravano accedere alle sezioni del sito web gestito dalla società di e-commerce, ed eventualmente acquistare i prodotti in vetrina, erano prima obbligati a registrarsi e ad accettare  i termini e le condizioni e la privacy policy del sito. Con l’adesione alla policy, con un unico click, l’utente acconsentiva che i propri dati venissero utilizzati non solo per le finalità connesse ai servizi offerti on line, ma anche per finalità di promozione commerciale, sia della società stessa sia dei suoi partner commerciali.
Fonte: http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/6956434

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

RSS Webinar in Arrivo

  • Si è verificato un errore; probabilmente il feed non è attivo. Riprova più tardi.

Seguici su Twitter

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: